13.2 C
Roma
domenica, 27 Settembre 2020

Partono i bastimenti

Come tanti italiani, anch’io ho nel mio albero genealogico un avo che partì per l’America con la speranza di un futuro migliore. Era il bisnonno: non l’ho mai conosciuto, se non attraverso una sbiadita fotografia. A cavallo degli anni Venti sbarcò a Ellis Island, approdo e porta del Nuovo Mondo.

Oggi è Natale

"Isolina statevi attenta!” “Che cosa ho fatto maresciallo, ho dato disturbo?” “No, ma girano strane voci su di voi.” “Cosa dite? Quali voci? Qui allo Schioppo mi...

Vite rubate

Dalla ‘ndrangheta si può essere infettati. Come accade ad Angela che però pagherà un prezzo altissimo: la lupara bianca le toglierà Santo, il figlio...

Quando emigrarono anche i Santi

All’inizio del Novecento quando i nostri nonni partirono chiesero di avere con sè oltre Oceano, una immaginetta della statua venerata nella chiesa che lasciavano. Nacquero così i “santini”, stampati spesso ad un solo colore. Pregarono in bianco e nero i nostri emigranti, ma ci hanno dato la grande consapevolezza di una precisa identità e del valore dell’appartenenza.

Questa è la mia storia

La Consulta si è conclusa e mi ritrovo in auto verso l’aereoporto di Lamezia con tre compagni di viaggio. Il prof. Domenico Loschiavo rientra a New York, Tommaso Ferraro a Lilla, in Francia, Maria Zangari a Genk, in Belgio. La conversazione tende a conoscerci meglio, ma piano piano prende il sopravvento il racconto di Maria...

Leggi ancora...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi